Chi sono

Sono stata chiamata a dirigere, nell’ultima consiliatura, l’Assemblea Capitolina. Nel momento in cui le inchieste giudiziarie rischiavano di travolgere perfino le Istituzioni della nostra città, Roma aveva bisogno di ritrovare l’orgoglio: ci ho messo la faccia perché volevo che l’Aula Giulio Cesare diventasse una “casa di vetro”, un esempio di responsabilità.

Sono arrivata sullo scranno più alto dell’Assemblea dopo 20 anni di lavoro soprattutto fuori dalla politica. Sono stata tra le prime laureate della Facoltà di Economia e Commercio dell’Università Roma 3: subito dopo ho iniziato il mio percorso professionale, come molti della mia generazione, da un call center. Oggi, dopo tanto impegno e fiducia in me stessa, sono una funzionaria di Poste Italiane.

In questi anni è anche cresciuto il mio impegno politico: ho avuto l’onore di mettermi al servizio dei cittadini prima nel mio Municipio, l’VIII (quando si chiamava ancora XI), di cui sono stata anche Presidente del Consiglio. Dopo quella bellissima esperienza, nel 2013 ho accolto l’invito che molti cittadini mi facevano, e, forte del loro sostegno, mi sono candidata all’Assemblea Capitolina. Una volta eletta, sono stata Presidente della Commissione Scuola di Roma Capitale, e poi, come già detto, Presidente dell’Assemblea Capitolina.